Musei di Palazzo del Pio

Orario di apertura

dal martedì al venerdì, ore 10-13
sabato, domenica, festivi, ore 10-18
Chiuso lunedì, Natale e Capodanno

Orari in occasione del Festival Filosofia 2022
Venerdì 16 e Sabato 17 settembre ore 10 - 23
Domenica 18 settembre ore 10 - 20

 

Tra Piazzale Re Astolfo e Piazza Martiri si colloca il complesso di edifici un tempo residenza dei Pio, risultato dell'aggregazione di numerose torri, rocche e torrioni eretti in epoche diverse, dal 1312 fino al sec. XVII.
L’appartamento nobile, che costituisce la parte più prestigiosa del Museo del Palazzo, apre al pubblico a dicembre 2006. Gli ambienti presentano un nuovo percorso di visita che sviluppa due piani di lettura paralleli e integrati. Da una parte le decorazioni affrescate sui muri delle sale, datate tra la metà del Quattrocento e i primi anni del Cinquecento, sono opera di Giovanni del Sega e Bernardino Loschi, pittori di corte di Alberto III Pio. Qui sono esposte le opere della collezione museale realizzate dai due pittori e di altro genere, ma relative alla cultura rinascimentale a Carpi. L’itinerario del Museo della Città sviluppa la storia del territorio carpigiano, della nascita e dello sviluppo della città dall'età del Bronzo al Novecento. Comprende il Salotto Degoli, una sezione tematica sulla cultura contadina e agricola con materiali provenienti dalla Collezione Contini.

 

MOSTRE VISITABILI

dal 16 settembre 2022 al 30 gennaio 2023 all'interno dei Musei di Palazzo dei Pio è visitabile la mostra
Solo la maglia. La tradizione tessile nelle fotografie di Ferdinando Scianna


AGGIORNAMENTO SALE VISITABILI

da martedì 6 a giovedì 15 settembre 2022, sarà visitabile solo il Museo della città di Palazzo dei Pio per consentire l’allestimento della mostraSolo la maglia. La tradizione tessile nelle fotografie di Ferdinando Scianna”. 

Ingresso con biglietto ridotto.

 
la cappella dei Pio e la sala della Dama sono momentaneamente chiuse per lavori di restauro agli affreschi.
Le opere che erano esposte nella sala della Dama (Cerbiatto tra i fiori, affresco strappato dal Torrione e la Madonna col Bambino e offerenti, affresco strappato dalla Pieve della Sagra, entrambe del XV secolo) sono state momentaneamente esposte nella sala dei Trionfi, per essere fruibili al pubblico.
 

L'ingresso al museo e alle mostre prevede il pagamento di un biglietto acquistabile presso Incarpi o direttamente in museo.
Per maggiori informazioni consulta la seguente pagina

La prima domenica del mese l'ingresso è gratuito. 

 

Indirizzo e contatti
Piazza Martiri 68 - Carpi
Tel: 059.649955 – 059.649360

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
https://www.facebook.com/MuseiPalazzoPio
https://www.instagram.com/museipalazzopio/
http://www.palazzodeipio.it

 

MUSEO DEL PALAZZO

Il Museo del Palazzo si sviluppa nel piano nobile dell’antica residenza dei Pio e presenta i principali tre nuclei collezionistici del Museo: le opere rinascimentali, la xilografia, la pinacoteca (di futura attuazione).

Il percorso di visita offre, oltre a quello delle opere d’arte, anche un secondo livello di lettura, quello che si snoda nelle aree più prestigiose dell’intero complesso. Qui sono conservati importanti cicli affrescati, soffitti lignei e architetture che, dopo un lavoro di restauro avviato negli anni Novanta e durato fino al 2007, che hanno restituito veste monumentale al Palazzo rinascimentale di Alberto III Pio.

Il percorso espositivo del museo, quindi, integra i prestigiosi spazi in cui è ospitato con le opere d’arte esposte.

Ascolta l'audioguida

 

CAPPELLA DEI PIO

Ambiente di piccole dimensioni dal decoro titpicamente rinascimentale, la cappella è formata da una navatella rettangolare con volta a crociera e da un vano quadrato con cupola che funge da presbiterio. Gli affreschi coprono tutte le pareti e le volte e riportano episodi della vita di Cristo e di Maria, a cui è dedicata la cappella, realizzati entro il 1511 da Bernardino Loschi secondo modelli stilistici che si rifanno alla tradizione pittorica tardo quattrocentesca lombarda, mantegnesca in particolare.

Di notevole interesse, la scena con il principe Alberto III Pio, dedicatario della cappella, e altri personaggi di corte, affrescata nella parete ovest della cappella; i quattro medaglioni in terracotta invetriata a bassorilievo raffiguranti gli Evangelisti, opera di Andrea della Robbia.

 

Ascolta l'audioguida

Cappella dei Pio

XILOGRAFIA

Nelle sale dell’Aggiunzione estense al piano nobile è esposto il nucleo del Museo della Xilografia, istituito nel 1936 da Luigi Servolini per valorizzare la figura e l’opera di Ugo da Carpi – a inizio Cinquecento inventore della xilografia a chiaroscuro - e della stampa a Carpi, presente in quegli anni grazie ad Aldo Manuzio, che soggiornò nella città dei Pio a fine Quattrocento.

Da non perdere: Diogene e gli altri chiaroscuri di Ugo da Carpi; il torchio per la stampa (XVII secolo); matrici e tipi lignei (XVI-XVIII secolo).

 

Ascolta l'audioguida

Xilografia

   

MUSEO DELLA CITTA’

Il Museo della Città, grazie a un innovativo progetto museografico, ripercorre 35 secoli di storia di Carpi e del suo territorio, attraverso l’esposizione di reperti, opere, materiali che tracciano l’evoluzione ambientale, lo sviluppo economico, sociale, politico e culturale che ha definito la città di oggi.

Quattro grandi periodi si raccontano per isole tematiche nelle logge del secondo ordine di Palazzo dei Pio: la fase pre-urbana; il periodo della signoria dei Pio; la dominazione estense fino all’Unità d’Italia; il Novecento.

 

Ascolta l'audioguida